08/08/2014 | Lega del Sole Divisione Baseball – Catania Islanders si conferma al vertice della classifica. Cus UniMe in netta ripresa.

Baseball Game --- Image by © Royalty-Free/Corbis

Si conclude la prima fase della stagione della Lega del Sole – Divisione Baseball.

Ricordiamo che si gioca con la logica del concentramento e del “doubleheader”.

I risultati della 3^ giornata di andata:

1 PALERMO BASEBALL Vs. CUS UNIME MESSINA 5 | 9
2 FITNESS PER TUTTI GYM Vs. CATANIA ISLANDERS 5 | 13
3 CATANIA ISLANDERS Vs. PALERMO BASEBALL 14 | 2
4 CUS UNIME MESSINA Vs. FITNESS PER TUTTI GYM 10 | 0

 

La classifica dopo 3 giornate:

Classifica
TEAM PG PV PP AVE. % PF PS DIFF.
1 CATANIA ISLANDERS 6 5 1 833 55 20 35
2 CUS UNIME MESSINA 6 3 3 500 37 30 7
3 PALERMO BASEBALL 6 2 4 333 31 51 -20
4 FITNESS PER TUTTI GYM 6 2 4 333 33 55 -22

IL COMMENTO

La giornata si prospettava davvero interessante con alcuni scontri importanti per verificare il reale potenziale delle squadre, che stanno cominciando a carburare e a trovare i loro assetti, e le aspettative non sono state disattese.

La prima partita della giornata presentava un menù davvero appetitoso, infatti, si sono affrontate le formazioni del Cus UniMe Messina e del Palermo Baseball. Sul monte di lancio rispettivamente i due espertissimi lanciatori Arcangelo Cibati e Emanuele Garofalo.  Il Cus UniMe parte subito forte e mette pressione al Pitcher Garofalo che subisce un paio di valide e concede qualche base su ball di troppo. Il primo inning si chiude sul 2 a 0 per il Team dello Stretto. Sul monte Cibati tiene a bada le mazze degli avversari aiutato anche da una difesa solida e ben orchestrata dal Catcher Santi Todaro, e, grazie a un attacco che finalmente riesce a trovare continuità, viene incrementato il vantaggio. La reazione del Palermo però non si fa attendere. I ragazzi del Manager Riccardo Ania suonano la carica e riescono ad accorciare le distanze. Le mazze dei ragazzi di Palermo vengono arginate da un ottimo Cibati, che chiude con un “complete game” e con un devastante 3 su 4 in attacco. Risultato finale 9 a 5 per il Cus UniMe Messina.

La seconda partita vede di fronte la capolista Catania Islanders e Fitness per Tutti Gym. Sul monte di lancio rispettivamente Davide Procopio e il veterano Carlos Novara. Il Catania deve fare a meno dell’americano Tim DeVito, bloccato da un fastidioso virus influenzale. Il Catania Islanders però non fa sconti a nessuno e mette subito il piede sull’acceleratore. Al primo inning il parziale è già 5 a 0 per gli Etnei. La partita mette in evidenza un’ottima prestazione in attacco del Catania Islanders che chiuderà l’incontro con ben 12 valide. Al terzo inning il Team di Piero Schepis & C. sul passivo di 9 a 2 tenta una rimonta approfittando di un calo del Pitcher partente, e riescono a segnare altri 2 punti, ma il sudato terzo out della difesa degli Islanders spegne le velleità del Team di Pace del Mela. Risultato finale 13 a 5 per il Catania Islanders. Sugli scudi il Pitcher Davide Procopio che chiude anch’egli con un “complete game” e con un importante 2 su 4 in attacco (2 tripli !!) e Alex Wolff che fa registrare un 3 su 4 (chiuderà la giornata con uno sfavillante 6 su 7 con 2 tripli all’attivo).

Il terzo incontro tra Cus UniMe Messina e Fitness per Tutti Gym è stata una partita senza storia.  I vari Giovanni Grasso, Piero Mento, Gaetano Caruso e i giovanissimi Fabiano Di Natale, Sergio Azzolina, Gabriele Rovito  & C., galvanizzati dal successo del primo incontro, non hanno dato scampo, 10 a 0 il risultato finale, a un avversario che ormai evidentemente aveva esaurito tutte le proprie energie. E’ questo forse il limite, anche se comprensibile, del Team Fitness per Tutti Gym, perché riesce a essere competitivo e capace di cose sorprendenti su un incontro per poi disunirsi nel successivo. Va ricordato che il Team è stato ricostruito da poco tempo e pertanto bisogna dar loro del tempo per consolidare determinate cose, e sappiamo che i Dirigenti e il Manager stanno già lavorando verso tale direzione.

Il quarto e ultimo incontro della giornata vede di fronte il Catania Islanders e il Palermo Baseball. Sul monte di lancio Diego Costa per il Palermo e il diciassettenne Achintha Shehan, al suo debutto assoluto come lanciatore, per il Catania Islanders. Il giovane Shehan non accusa alcuna emozione e nei primi 3 inning concede poco o nulla agli avversari, consentendo alla propria squadra, supportata da un attacco in grande spolvero (saranno alla fine 10 le valide con 2 tripli), di portarsi sul 6 a 0. Solo al quarto inning, approfittando di un lieve calo del lanciatore partente, il Palermo riesce a mettere pressione agli avversari e segna 2 punti, portando il parziale sul 6 a 2. E’ il momento di far scendere dal monte il giovane Achintha Shehan, che, dopo la sua brillante prestazione (chiuderà con 1 BV / 3 K / 3 BB), sarà rilevato dal sempreverde Carmelo Maglio (schierato ad inizio gara in terza base e autore nel primo inning di una “diving catch” da spettacolo su una terrificante linea di Emanuele Garofalo). L’inning si chiude senza subire ulteriori punti. Il quarto attacco del Catania è un big inning da 8 punti che, di fatto, mette la parola fine alla partita. Il match si chiude con il risultato di 14 a 2 per gli Etnei. Molto bene sia in difesa che in attacco in entrambi i match i fratelli Cristian Delle Castelle e Luca Delle Castelle, quest’ultimo schierato interbase e autore al quinto inning di una presa dietro la terza base e conseguente out in prima da “paura”.

Il Palermo esce ancora una volta sconfitto, e dobbiamo dire che abbiamo visto una squadra un po’ sottotono, anche se siamo certi che Accomando & C. hanno tutte le carte in regola per giocare un ruolo da assoluto protagonista in questo campionato, che si trova solo al giro di boa. I vari Giorgio Valdesi, Daniele Enea, Salvo Garofalo, Giuseppe Balistreri (giovane Catcher di 16 anni), affileranno le armi e alla ripresa di Settembre vedremo sicuramente un Palermo agguerrito e determinato a vendere cara la pelle.

Facciamo, infine, il punto della situazione dopo la conclusione della prima fase del campionato con Antonio Consiglio, membro del Board della Lega.

“L’organizzazione sta andando per il verso giusto. Il livello tecnico raggiunto è di assoluto rilievo. La competizione sta salendo di tono così come l’agonismo, che sarà ai massimi livelli man mano che ci si avvicinerà alla fine del campionato e alle finali.

Tantissimi giovani stanno avendo delle opportunità per giocare un numero importante di partite e tutte le squadre non hanno lesinato di dar loro tale opportunità.

Qualcuno sottolinea come la nostra sia una semplice attività amatoriale, utilizzando l’aggettivo “amatoriale” come quasi un’accezione negativa. Beh! Mi si dica, intanto, dove non è amatoriale il Baseball e Softball in Italia? Nella IBL ? Forse! Infatti, nutro qualche perplessità, e su tale argomento potremmo aprire ampi e complessi dibattiti, e non è questo il momento. Se poi si vuole usare il termine amatoriale come linea di demarcazione con l’attività federale, allora dico che il tutto potrebbe essere strumentale, frutto di inopportuno snobismo e di perdita di contatto con la realtà. Noi comunque, amatoriale o non amatoriale, siamo una Lega, punto e basta.

Per livello tecnico, agonistico, organizzazione, impegno, sviluppo e responsabilità, siamo certi di rappresentare più che degnamente le nostre discipline sportive e di dar loro un contributo importante in termini di sviluppo e consolidamento, e non siamo affatto da meno rispetto ad altre attività che, peraltro, conosciamo molto bene”.

Lega del Sole – ISLBS International Sun League Baseball Softball – Ufficio Comunicazione & Marketing

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*